dialoghi

 

Silvia Sanna offre se stessa in triplice esposizione come su una contemporanea pala d’altare, mettendo il pubblico a confronto con una dimensione intima e scarnificata. Un autoritratto che esula da una dimensione strettamente autoreferenziale per spalancarsi al generazionale raccontando un’attesa che sfiora, a momenti, la resa.

testo di Sonia Borsato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...